Biblioteca del DIEET Università degli Studi di Palermo

Glossario di Biblioteca

mandaci una e-mailtorna alla homepage

informazioni generali | servizi disponibili | modulistica | regolamento | personale della biblioteca | bacheca virtuale | fotografie | catalogo tesi | catalogo periodici | periodici attivi | nuove accessioni | ricerche bibliografiche: cataloghi online | risorse bibliografiche di Ateneo | faq | link | spigolature

 

Termini d'uso comune in ambito librario e bibliotecario

 

 

Definizioni tratte da:

1. ISBD (S) : International Standard Bibliographic Description for Serials / International Federation of Library Association and Institution. – Rev. ed., ed. italiana / a cura dell’ Istituto Centrale per il Catalogo Unico delle Biblioteche Italiane e per le Informazioni Bibliografiche. – Roma : ICCU, 2001. – VII, 92 p. ; 30 cm . – ISBN 88-7107-026-7

2. Glossario di biblioteconomia e scienza dell’ informazione / Ferruccio Diozzi. – Milano : Editrice Bibliografica, c2003. – 86 p. ; 21 cm . – (Bibliografia e Biblioteconomia ; 70). – ISBN 88–7075–601-7

3.  http://nt-notes.liuc.it/servizi/Biblioteca.nsf/pagine/glossario


 A - B - C - D - E - F - G - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W- Z

 

A
 

AACR

Acronimo di Anglo-American Cataloguing Rules. Regole di catalogazione anglo-americane.

ABBONAMENTO

Contratto tra una biblioteca  e un fornitore per cui, come corrispettivo di una somma pagata in anticipo, viene fornita, per un periodo concordato, una pubblicazione. Oggetti degli abbonamenti sono, tradizionalmente, i periodici anche se la formula viene adottata, ormai da anni, per altre fonti di informazioni (servizi di banche dati, etc.)

ABEI

Acronimo di Associazione dei Bibliotecari Ecclesiastici Italiani.

ABF

Acronimo di Association des Bibliothécaires Francais.

ABSTRACT

Riassunto di un documento che ne riporta fedelmente i contenuti, senza interpretazioni né critiche. Ne sono individuabili tre tipologie: 1. indicativo: è il riassunto del contenuto di un documento in forma abbreviata, senza interpretazione né critiche; 2. informativo: è il riassunto analitico che presenta, nel modo più esauriente possibile, l’informazione quantitativa e/o qualitativa del documento; 3. misto: è un insieme delle due tipologie precedenti.

ACCESSIONE

Documento o gruppo di documenti di varia tipologia acquisiti a vario titolo (acquisto, dono, scambio) da una biblioteca o da un servizio di gestione dell’ informazione e inseriti nelle proprie raccolte.

ACCESSO

Politica biblioteconomia che privilegia la capacità della biblioteca e/o di altre organizzazioni di gestione dell’informazione, di rendere disponibile l’accesso alle risorse informative per il maggior numero di utenti, rispetto al possesso fisico dei documenti (libri, periodici, report, software, etc.) di varia tipologia.

ACCOGLIENZA

Servizio dedicato all’indirizzamento e alla risoluzione dei problemi derivanti dal primo impatto dell’ utente con una biblioteca o con altra organizzazione di gestione dell’informazione.

ACQUISIZIONI

Processo di alimentazione e rinnovo delle risorse informative e documentarie di un sistema bibliotecario e/o di gestione dell’informazione.

ACRONIMO

Nome abbreviato (tipicamente di un ente o organizzazione) formato dalle lettere iniziali delle parole che formano il nome completo ed esteso. Es.: ONU Organizzazione delle Nazioni Unite.

AIB

Acronimo di Associazione Italiana Biblioteche. Fondata nel 1930, ha le seguenti finalità: 1. promuovere l’organizzazione e lo sviluppo delle biblioteche e del servizio bibliotecario in Italia; 2. studiare e intervenire in tutte le questioni di ordine scientifico, tecnico, giuridico, legislativo concernenti le biblioteche e i loro operatori, anche attraverso rapporti con le componenti del mondo del lavoro e della cultura, nonché promuovere le iniziative atte ad assicurare la preparazione e l’aggiornamento professionale degli stessi; 3. mantenere rapporti con le istituzioni culturali italiane e con altri enti internazionali e internazionali per rappresentare nell’ambito di essi le biblioteche italiane.

AIE

Acronimo di Associazione Italiana Editori. Associazione italiana di rappresentanza degli editori fondata a Milano nel 1946.

ALA

Acronimo di American Library Association. Fondata nel 1876 è la più antica e la più estesa associazione professionale bibliotecaria nel mondo. Copre tutte le problematiche riguardanti attività e specializzazioni professionali del settore delle biblioteche.

ALERTING SERVICE

All’interno di un sistema di gestione dell’informazione (bibliotecario o di altro tipo) è un servizio che fornisce informazioni di varie tipologie (novità bibliografiche, documenti, etc.) a utenti che si sono pre-registrati con specifici profili d’ interesse.

ALI

Acronimo di Associazione Librari Italiani.  Associazione italiana di rappresentanza dei librari fondata a Milano nel 1945.

ALMANACCO

Compendio annuale di dati fattuali o statistici.

ANNALI

1. Rassegna cronologica di informazioni e dati relativi ad un’organizzazione o proprie di uno specifico settore di attività; 2. elenco cronologico delle edizioni stampate da un tipografo o da un editore.

ANTOLOGIA

Opera formata da un insieme di estratti di lavori di autori diversi, selezionati e raccolti da un curatore.

ANNATA

L'insieme dei fascicoli di un periodico pubblicati nel corso di un anno.

ANNUARIO

Pubblicazione annuale che riporta dati e informazioni relative ad un periodo di tempo determinato.

ANSI

Acronimo di American National Standards Institute. Ente nazionale statunitense generatore di norme e raccomandazioni tecniche per i più diversi settori.

APPENDICE

Parte di un opera che non costituisce il suo nucleo essenziale, ma che contiene informazioni aggiuntive come tavole statistiche o tabelle.

ARL

Acronimo di Association of Research Libraries. Associazione di rappresentanza delle più importanti biblioteche di ricerca operanti negli Stati Uniti e nel Canada.

ATTI

L'insieme delle relazioni e degli interventi fatti ad un convegno da relatori diversi e raccolti organicamente in un volume.

AUDIOVISIVI

Materiali di varia tipologia funzionali alla comunicazione di un messaggio sotto forma sonora e visiva.

AUTHORITY FILE

Termine inglese frequentemente usato e corrispondente a liste dei termini controllati. In un processo di descrizione bibliografica è l’elenco dei termini che fissano la forma delle intestazioni da usare e dei riferimenti relativi.

AUTOMAZIONE BIBLIOTECARIA

Applicazione di sistemi hardware/software all’attività delle biblioteche in modo tale che possano essere svolte le funzioni fondamentali del trattamento e dell’accesso all’informazione (acquisizioni, catalogazione, circolazione, Opac, etc.). Ciò con riferimento alle diverse tipologie di documenti (libri, periodici) trattati da una biblioteca.

AUTORE

Colui che ha scritto un libro o un articolo. E' considerato il responsabile del contenuto di quel documento.

AUTORE ENTE

E’ l'autore collettivo di un'opera. Può trattarsi di un'associazione, istituzione o organizzazione che ha la responsabilità della stesura di un documento.
 

B
 

BACK OFFICE

In generale i processi interni di un’organizzazione, prevalentemente orientata alla fornitura di servizi. In biblioteconomia è l’insieme delle attività e delle funzioni strutturate inerenti l’organizzazione, la gestione e la manutenzione dei servizi interni del sistema che costituiscono la base sulla quale vengono sviluppati i servizi rivolti all’esterno, attuati dal front office, e orientati a rendere possibile l’accesso ad informazioni e documenti. Sono attività di back office: 1. l’acquisizione e le metodologie connesse di definizione di criteri efficienti ed efficaci di sviluppo e di ricambio del patrimonio bibliografico – documentario posseduto; 2. il trattamento dell’ informazione, cioè l’insieme delle attività di gestione dell’ informazione funzionali alla sua fruizione ivi inclusa la riduzione simbolica dei documenti e delle informazioni gestite dal sistema; 3. l’individuazione, attraverso sistemi di misurazione, del tasso di utilizzo e di soddisfazione da parte dell’utente dei servizi disponibili; 4. la manutenzione evolutiva degli strumenti tecnologici impiegati.

BACINO D’ UTENZA

Caratterizzazione dell’utenza reale e/o potenziale di un servizio di biblioteca o di informazione fatta tenendo conto del servizio in cui il servizio stesso opera.

BANCA DATI

Archivio elettronico che raccoglie informazioni strutturate, accessibili attraverso molteplici canali di interrogazione. Le banche dati possono essere disponibili su CD-Rom o in versione on-line.

BARCODE

Il numero applicato al libro da parte della biblioteca, al fine di identificarlo. Nel prestito automatizzato il barcode viene letto dalla penna ottica e questo sistema permette di velocizzare al massimo le operazioni di prestito/restituzione dei volumi. Anche ciascuna tessera della biblioteca riporta un numero di barcode, che identifica in questo caso l'utente.

BENCHMARKING

Attività di esame e di valutazione delle prestazioni di un sistema informatico o di un sistema informativo quale una biblioteca, svolta attraverso la comparazione con parametri prefissati.

BEST PRACTICIES

In italiano, letteralmente, prassi migliore. Indica le procedure consolidate che, anche sulla base di specifiche attività di benchmarking, vengono adottate, nella prassi biblioteconomica oltre che in altri settori, per conseguire il miglior livello di servizio.

BIBLIOGRAFIA

1. La disciplina che studia e orienta metodi e tecniche di compilazione delle opere bibliografiche; 2. elenco sistematico di opere, saggi, articoli e documenti relativi a un determinato argomento o a un determinato autore.

BIBLIOGRAFIA APERTA

Bibliografia in fase di compilazione.

BIBLIOGRAFIA CHIUSA

Bibliografia completata.

BIBLIOGRAFIA CORRENTE

Bibliografia delle novità editoriali relative a un certo periodo di tempo.

BIBLIOGRAFIA DI BIBLIOGRAFIE

Raccolta sistematica di materiali bibliografici compilata per fornire un quadro complessivo di repertori e di studi bibliografici.

BIBLIOGRAFIA ENUMERATIVA

Elenco di libri e di documenti concepito come semplice sequenza di record bibliografici.

BIBLIOGRAFIA GENERALE

Raccolta sistematica di opere compilata con prevalente riferimento a un’area linguistica determinata.

BIBLIOGRAFIA NAZIONALE

Bibliografia di libri e di documenti pubblicati in un determinato paese.

BIBLIOGRAFIA PERSONALE

Elenco di opere e pubblicazioni di uno specifico autore.

BIBLIOMETRIA

Disciplina dedicata alla valutazione quantitativa della produzione e dell’uso dei documenti. Si basa sull’applicazione di metodi matematici e statistici attraverso i quali si prefigge di ricavare indicazioni per impostare politiche biblioteconomiche di acquisizioni e di scarti.

BIBLIOLOGIA

Disciplina che studia il libro in quanto oggetto fisico e che si interessa particolarmente alla sua creazione materiale, sia per i materiali di supporto che per le tecniche impiegate.

BIBLIOTECA

Raccolta ordinata di libri e documenti su supporto diverso (Cd-Rom, microfiches, audiovisivi, ecc.) messa a disposizione del pubblico per motivi di lettura e studio. La biblioteca è anche il luogo fisico dove i documenti si trovano raccolti. Compiti principali della biblioteca sono quelli di organizzare, incrementare e conservare documenti attraverso procedure e servizi finalizzati  a individuare e utilizzare documenti e informazioni posseduti. Sono sue caratteristiche lo svolgimento di attività di programmazione, analisi e verifica in modo da rispondere sempre adeguatamente alle esigenze degli utenti.

BIBLIOTECA DIGITALE

Termine usato per identificare: 1. le caratteristiche tecnologiche dei sistemi e dei servizi di biblioteca attualmente operanti su basi digitali; 2. i servizi che gestiscono informazione attraverso documenti digitali e/o digitalizzati di tipo e di provenienza diversi; 3. la biblioteca come potrà essere concepita in un prossimo futuro, totalmente basata su risorse e su servizi digitali.

BIBLIOTECA IBRIDA

1. Biblioteca in cui siano presenti oggetti materialmente posseduti, sia su supporto cartaceo sia su supporto elettronico; 2. biblioteca in cui siano fruibili dall’ utenza, anche oggetti non materialmente presenti ma materialmente accessibili; biblioteca che mantenga il suo posseduto tradizionale, pur dotandosi di servizi all’utenza di tipo elettronico.

BIBLIOTECA PRIVATA

Biblioteca sostenuta da fondi privati, di solito dipendente da un soggetto specifico (impresa, club, etc.).

BIBLIOTECA PUBBLICA

Biblioteca finanziata interamente o parzialmente con fondi pubblici e disponibile, per definizione, a ogni tipo di utente.

BIBLIOTECA STATALE

Biblioteca dipendente direttamente dallo stato, da questa sostenuta e gestita. Nella tradizione italiana, biblioteca facente parte della pubblica amministrazione centrale che comprende biblioteche nazionali, biblioteche universitarie, biblioteche annesse ai monumenti nazionali.

BIBLIOTECA UNIVERSITARIA

1. In Italia, biblioteca fondata a supporto di università e successivamente appartenente al Ministero per i beni e per le attività culturali; 2. biblioteca appartenente ad un’università o a un consorzio universitario.

BIBLIOTECA VIRTUALE

Biblioteca i cui documenti e servizi vengono condotti attraverso specifiche tecnologie informatiche. Alcune fonti fanno notare come il termine sia usato per indicare le possibilità di accesso in rete a risorse informative appartenenti a biblioteche e a sistemi bibliotecari diversi.

BIBLIOTECARIO

Professionista dell’informazione dotato di specifiche competenze biblioteconomiche e in grado di gestire un’attività, un servizio o un’intera biblioteca. Le sue caratteristiche professionali fondamentali sono la conoscenza dei metodi di gestione dell’ informazione (acquisizione, trattamento, messa a disposizione), delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione, della capacità di organizzazione e di gestione dei servizi.

BIBLIOTECONOMIA

È una disciplina il cui oggetto è la progettazione, la gestione e la valutazione dei servizi documentari, cioè della mediazione fra una raccolta di documenti e un’utenza, sia sotto l’aspetto della disponibilità fisica, sia, soprattutto, sotto l’aspetto dell’individuazione e selezione intellettuale.

BIOBIBLIOGRAFIA

Bibliografia che contiene le opere di un unico autore e anche quelle che a lui si riferiscono e che spesso include anche informazioni biografiche.

BIOGRAFIA

Opera nella quale si racconta la vita di una determinata persona.

BNI

Sigla con la quale ci si riferisce alla Bibliografia Nazionale Italiana, che rappresenta la bibliografia ufficiale per l'informazione libraria italiana corrente e che si pubblica sotto forma di bollettino mensile a cura della biblioteca nazionale centrale di Firenze in base agli esemplari ricevuti per diritto di stampa.

BOLLATURA

Apposizione di un segno caratteristico su di un documento acquisito da una biblioteca in modo tale da attestare la proprietà dello stesso. Il segno apposto da una biblioteca pubblica o aperta al pubblico è un timbro; in biblioteche private la bollatura avviene attraverso l’apposizione di un ex libris.

BOLLETTINO

Pubblicazione periodica a cura di un'istituzione, che contiene novità e informazioni d'interesse sulla sua attività.

BROWSING

Azione dello scorrere un elenco alfabetico di termini.

BUDAPEST OPEN ACCESS INIZIATIVE

È un programma nato a Budapest nel 2001 su impulso dell’ Open Society Institute (OSI), la fondazione creata dal finanziere Gorge Soros i cui scopi sono quelli di aiutare uno sviluppo equilibrato delle società complesse. L’obiettivo primario dell’ iniziativa è quello di rendere possibile la disponibilità gratuita dei contenuti dei periodici scientifici, attraverso la creazione di “Open Archives”. Ciò a fronte del progressivo aumento dei costi determinato dalle politiche delle grandi case editrici.
 

C
 

CAMPO

In una descrizione bibliografica o archivistica area del record di un documento che accoglie un elemento (campo titolo) o un gruppo omogeneo di dati ( campo descrizione del titolo).

CAPITOLO

Parte di un libro o, più in generale, di un documento contrassegnata da omogeneità per quel che attiene al contenuto.

CASA EDITRICE

Società di carattere commerciale il cui oggetto sociale è la realizzazione e la vendita di libri, periodici ed altri tipi di documenti, in formati tradizionali ed elettronici.

CATALOGAZIONE

Registrazione della descrizione simbolica di un documento o di un oggetto fisico o virtuale appartenente ad una determinata categoria. Tal descrizione effettuata secondo regole standard, permette di costituire una notizia bibliografica, singolo elemento di un catalogo.

CATALOGAZIONE CENTRALIZZATA

Attività svolta in un centro o agenzia specifici che rendano poi disponibili i record creati a insiemi di biblioteche. La catalogazione centralizzata può svolgersi a vari livelli, sia limitati geograficamente (una sede universitaria) sia molto estesi (una rete di biblioteche pubbliche o universitarie, un’ intera realtà nazionale).

CATALOGAZIONE DERIVATA

In una biblioteca, procedura di catalogazione che deriva la notizia bibliografica, completa di accessi formali e semantici, da cataloghi di altre biblioteche. Da questi cataloghi possono essere esportati la descrizione e gli accessi in un formato internazionale di scambio ( per esempio UNIMARC) e li si può importare nel proprio catalogo.

CATALOGAZIONE ORIGINALE

La prima catalogazione attuata di un documento, fonte delle attività di derivazione o partecipazione.

CATALOGAZIONE PARTECIPATA

Nelle biblioteche, catalogazione che si può effettuare se la biblioteca è inserita in una rete nella quale si usufruisce di un catalogo collettivo. Per la biblioteca in cui si opera vengono utilizzate le notizie bibliografiche e gli accessi eventualmente già inseriti dalla prima biblioteca che ha catalogato il medesimo documento.

CATALOGO

Raccoglie le informazioni bibliografiche relative a tutto il posseduto della biblioteca: libri, periodici, tesi di laurea, documenti elettronici. Permette, attraverso una molteplicità di chiavi di accesso, di conoscere quali documenti la biblioteca possiede di un determinato autore, con un determinato titolo o su un argomento specifico. Il catalogo elettronico consente di realizzare ricerche più ampie e complesse rispetto a quello cartaceo combinando le diverse modalità di interrogazione.

CATALOGO ALFABETICO-SISTEMATICO

Catalogo di intestazione di soggetto ordinate alfabeticamente all’ interno di categorie più vaste di un sistema di catalogazione.

CATALOGO A SCHEDE

Catalogo cartaceo costituito da schede mobili di identico formato, spessore e qualità disposte nell’ ordine voluto all’ interno di cassetti di metallo o di legno.

CATALOGO AUTOMATIZZATO

Catalogo di biblioteca realizzato o gestito attraverso specifico software. Esso consente agli utenti accessi di tipo diverso (ricerca per autore, titolo, soggetto, etc.) e agli amministratori del patrimonio bibliografico la possibilità di gestire diverse funzioni quali le nuove accessioni, il rinnovo degli abbonamenti, la circolazione del materiale.

CATALOGO CARTACEO

Catalogo tradizionale realizzato su schede cartacee a fogli mobili o a volume.

CATALOGO DIGITALIZZATO

Trasposizione in formato digitale di cataloghi tradizionali cartacei e/o analogici già esistenti.

CATALOGO EDITORIALE

Catalogo a stampa o elettronico in cui un editore o un gruppo editoriale raccoglie le pubblicazioni da esso curate. I cataloghi editoriali possono coprire tutta l’ attività svolta dall’ editore ( e in tal caso assumono la funzione di cataloghi editoriali generici o storici) o possono limitarsi alle pubblicazioni disponibili commercialmente al momento della loro redazione.

CATALOGO PER AUTORE

Catalogo in cui i documenti bibliografici sono ordinati alfabeticamente sotto le intestazioni degli autori (persone o enti collettivi).

CATALOGO PER MATERIA

Catalogo in cui i documenti bibliografici sono ordinati alfabeticamente sotto le intestazioni di soggetto corrispondente in modo diretto e specifico ai contenuti preventivamente individuati.

CATALOGO SISTEMATICO

Catalogo in cui i documenti bibliografici sono ordinati alfabeticamente all’interno di uno schema di classificazione.

CDD

Acronimo di classificazione decimale Dewey. Sistema di classificazione ideato negli Stati Uniti da Melvil Dewey nel 1876 e poi diffusosi in tutto il mondo. Caratteristica fondamentale del sistema è quella di suddividere il sapere in dieci grandi classi (da 0 a 9) con possibilità di aggiunte, espansioni e suddivisioni interne praticamente illimitate. Vedi Classificazione Decimale Dewey.

CD-ROM

Il Cd-ROM (Compact Disc - Read Only Memory) è un piccolo disco di materiale plastico che, grazie ad una specifica tecnologia, consente di archiviare una quantità molto grande di informazioni in forma digitale. Il Cd-Rom per essere usato richiede l'impiego di un apposito lettore e di un elaboratore elettronico. Nelle biblioteche i Cd-ROM contengono bibliografie di libri e periodici, banche dati, statistiche, repertori, periodici con full text.

CIRCOLAZIONE

Processo attraverso il quale i documenti vengono resi disponibili agli utenti da una biblioteca o da un servizio di gestione dell’informazione.

CITAZIONE BIBLIOGRAFICA

In un documento, nota che si riferisce ad altro documento per convalidare tesi o affermazioni riportate. Le citazioni bibliografiche poste a piè di pagina, in fine di un capitolo o, più raramente, di un documento nel suo insieme, vengono numerate con cifre arabe e riportano gli elementi essenziali per l’identificazione del documento citato. Ove possibile riportano anche il numero di pagine cui specificatamente ci si riferisce.

CLASSIFICARE

Individuare il concetto di un documento e collocarlo in una posizione derivante da uno specifico schema di classificazione.

CLASSIFICAZIONE

Forma di indicizzazione caratterizzata dall’inserimento della descrizione semantica di un documento o altro soggetto reale o virtuale entro uno schema di classi predisposte, a loro volta generata da una particolare tassonomia della realtà.

CLASSIFICAZIONE DECIMALE DEWEY

Sistema basato sulla suddivisione del sapere in 10 grandi classi a loro volta ripartite in sezioni e suddivisioni. La classificazione decimale Dewey è spesso utilizzata anche per la collocazione fisica dei volumi e permette di raccogliere nello stesso punto tutti i libri che appartengono alla medesima classe. Alla base di ogni classificazione bibliografica sta l'idea di poter collocare attraverso un determinato ordine logico l'intero campo del sapere umano. Vedi CDD.

CLASSIFICAZIONE DECIMALE UNIVERSALE

Adattamento della classificazione Dewey realizzato alla fine dell'Ottocento da Otlet e Lafontaine.

COLLANA

Collezione di testi che, accomunati da specifici fattori (scrittori appartenenti a uno stesso paese, specifiche tematiche), fanno parte di una stessa serie editoriale.

COLLAZIONE

Nel processo della catalogazione l’area delle note tipografiche che descrivono i caratteri fisici ed editoriali di una pubblicazione.

COLLEZIONE

Insieme di pubblicazioni distinte, legate l’una all’altra dal fatto che ciascuna di esse reca, oltre al titolo proprio anche un titolo collettivo, cioè il titolo proprio della collezione. Le singole pubblicazioni di una collezione possono essere o non essere numerate. Nell’ambito di una collezione le pubblicazioni possono essere pubblicazioni monografiche o costituire pubblicazioni in serie.

COLLOCAZIONE

Posizione che il documento occupa in biblioteca e che è rappresentata dalla segnatura di collocazione.

COLOPHON

Frase posta di solito alla fine della pubblicazione che fornisce informazioni circa la sua pubblicazione o stampa e, in qualche caso, altre informazioni bibliografiche, compreso il titolo.

CONTROLLO BIBLIOGRAFICO

Le operazioni di gestione del materiale bibliografico (dall’acquisizione all’ordinamento) funzionali ad un efficace recupero dello stesso.

CONTROLLO D’ AUTORITA’

In biblioteconomia e in archivistica indica il processo di individuazione e controllo su forme normalizzate di termini utilizzati come chiavi d’ accesso.

CONSULENZA BIBLIOGRAFICA

Attività di informazione e orientamento realizzata dai bibliotecari per aiutare gli utenti nella ricerca bibliografica.

CONSULTAZIONE

Operazione che consiste nel leggere i libri all'interno della biblioteca, senza prenderli in prestito.

COPIA D’ OBBLIGO

Esemplare di pubblicazione consegnato dallo stampatore agli enti che ne hanno diritto.

COPYRIGHT

Sistema di diritto d’autore di matrice anglosassone. In esso la tutela del diritto dell’ autore si basa sulla dichiarazione dell’ esclusività di pubblicare o distribuire una determinata opera o un determinato documento. L’insieme dei diritti che così si generano, sia nel caso in cui permangano all’ autore, sia che vengano trasferiti ad altri soggetti detentori (editori, distributori) si concretizzano nella copia. In forza del copyright e assolvendo agli obblighi patrimoniali connessi, un utente ha il diritto di effettuare una copia del documento di un autore.

CURATORE

(editor in inglese) Colui che è responsabile dell'opera, ma non ne è l'autore. Tipicamente il curatore raccoglie e coordina parti diverse scritte da più autori o da un unico autore e le pubblica con un titolo d'insieme.

CURRENT CONTENTS

Pubblicazione periodica che contiene la riproduzione degli indici delle riviste specializzate in una determinata disciplina.
 

D
 

DATA DI COPYRIGHT

Anno di acquisizione del diritto a pubblicare.

DATA DI PUBBLICAZIONE

Anno in cui il libro o documento è pubblicato. E' la data a cui si fa riferimento nelle citazioni bibliografiche. In mancanza di una data di pubblicazione ci si affida alla data di copyright.

DATA DI STAMPA

Indica la data in cui la tiratura è stata consegnata al magazzino dell'editore.

DEPOSITO LEGALE

Adempimento alle norme di legge sulla consegna dell’esemplare d’obbligo.

DD

(Document Delivery) sigla che identifica il servizio di fornitura di documenti, strettamente legato al prestito interbibliotecario.

DESCRITTORE

Termine usato per definire il soggetto di un documento.

DESCRIZIONE BIBLIOGRAFICA

Insieme degli elementi che definiscono in modo completo e univoco un documento bibliografico (autore, titolo, luogo di edizione, editore, etc.) .

DESIDERATA

Sono i libri che l'utente desidera vengano acquistati dalla biblioteca. Nelle biblioteche pubbliche in genere esiste un libro dei desiderata nel quale ciascuno può esprimere le proprie richieste. Presso la nostra biblioteca più semplicemente si compila una richiesta di acquisto motivata da esigenze di studio o ricerca.

DESK

Termine con il quale si indica la sede fisica in cui viene erogato agli utenti un servizio. Nelle biblioteche e nelle organizzazioni che gestiscono l’ informazione possono aversi desk di reference, di document delivery, di prestito o di altri servizi.

DIRITTO D’ AUTORE

Insieme di leggi e regolamenti che governano la materia della protezione giuridica garantita al creatore di un’opera, individuale o collettiva. Ciò al fine del riconoscimento formale e dello sfruttamento economico connesso. Le radici del diritto d’ autore sono complesse e si differenziano a seconda dei contesti di provenienza in cui furono elaborate le prime normative. È possibile distinguere tra due grandi sistemi: sistema del diritto d’autore continentale, di derivazione latino-germanica e il sistema del copyright di derivazione anglosassone. Le principali differenze tra il sistema di diritto d’ autore continentale e quello di copyright di matrice anglosassone sono così sintetizzabili : 1. nel primo la creazione dell’opera è fatto costitutivo del diritto stesso; nel secondo la tutela è subordinata a una serie di formalità costitutive quali la registrazione dell’opera; 2. nel secondo prevalgono i diritti economici rispetto a quelli morali.

Le problematiche del diritto d’autore sono oggi al centro delle attività dei sistemi bibliotecari come di altri media. L’enorme flusso di informazione, caratteristico di tutte le società complesse, ha accentuato problematiche già esistenti, che vedono l’incontrarsi e lo scontrarsi di interessi diversi e contrapposti. In particolare, un aspetto cruciale del diritto d’autore nell’ epoca digitale è dato dalla negoziazione tra detentori di diritti e utilizzatori dei contenuti che deve tenere conto delle esigenze, sempre più complesse di entrambe le parti.

DMCA

Acronimo di Digital Millenium Copyright Act. Legge federale degli Stati Uniti d’ America entrata in vigore il 28 Ottobre 1988 il cui intento è quello di aggiornare la normativa sul copyright per tener conto dei peculiari problemi legati alla protezione della proprietà intellettuale per il materiale digitale.

DOCUMENTO

Un'entità fisica in qualunque forma (libro, periodico, Cd-Rom, floppy disc, microfiche...) che contenga informazioni.

DOCUMENT DELIVERY

Attività svolta da un servizio bibliotecario e/o gestione dell’ informazione di consegna all’ utente di documenti richiesti. Il document delivery si svolge oggi attraverso consegne di documenti cartacei, analogici e digitali.

DOCUMENTO ANALOGICO

Documento contenuto su supporto fisico.

DOCUMENTO CARTACEO

Documento analogico su supporto cartaceo.

DOCUMENTO DIGITALE

Unità informativa che nasce in formato digitale.

DOCUMENTO MULTIMEDIALE

Unità informativa analogica o digitale che può contenere insieme testi, immagini e audio.

DOCUMENTO SONORO

Unità informativa costituita da suoni o rumori.

DOCUMENTO TESTUALE

Unità informativa costituita da scrittura.

DOCUMENTO VISIVO

Unità informativa costituita da immagini fisse o in movimento.

DOI

Acronimo di Digital Object Identifier. Sistema di identificazione univoca nato per riconoscere la proprietà intellettuale a documenti digitali e/o in un ambiente digitale. Creato nel 1997 un DOI si compone di un prefisso e di un suffisso: il primo viene assegnato all’ editore di un documento da un’ agenzia di registrazione; il secondo deriva dall’ assegnazione di un codice al documento fatta dallo stesso editore. All’interno di un oggetto/documento digitale possono coesistere diversi DOI: ad esempio, un libro può avere un DOI corrispondente all’opera nel suo insieme e DOI corrispondenti a singoli capitoli.

DOWNLOAD

L’azione di trasmettere file o pagine web da un host o da un server a un client. L’azione opposta viene generalmente definita upload.

DVD-ROM

Il DVD-ROM (Digital Versatile Disk - Read Only Memory) è un tipo di DVD, distinto dai DVD video, all'apparenza identico ad un CD-ROM ma con una memoria molto superiore. Viene impiegato come supporto per le banche dati (legislative, di periodici a testo pieno...) che contengono quantità di informazioni molto elevate.
 

E
 

E-BOOK

Abbreviazione di electronic book. Libro elettronico o, più in generale, ogni tipo di pubblicazione realizzata su supporto digitale.

E-JOURNAL

Electronic journal, ovvero periodico elettronico. Rappresenta un'alternativa al periodico su supporto cartaceo e ha la peculiarità di esistere solo in formato digitale. In questo si distingue dalla versione elettronica di un identico periodico che esiste già in forma cartacea.

EDITORE

La società o la persona responsabile della pubblicazione e della diffusione al pubblico di un libro o altro documento bibliografico. Diverso dall'editor anglosassone, che è identificabile con un curatore.

EDIZIONE

Tutte le copie di una pubblicazione prodotte a partire dalla stessa origine sia per contatto diretto che con metodi fotografici o d’ altro genere.

EMEROTECA

Raccolta di pubblicazioni a carattere periodico (giornali, riviste) che costituisce una specifica sezione di una biblioteca.

ERRATA CORRIGE

Lista di errori riscontrati dopo la stampa di un libro e riportati al suo interno con l'indicazione delle pagine in cui figurano e delle correzioni da apportare.

ET AL.

Abbreviazione della locuzione latina et alii (= e altri) che si usa nelle citazioni bibliografiche dopo il nome del primo autore quando un libro ne ha più di tre.

EX LIBRIS

Contrassegno indicante la proprietà di un libro. Un ex libris può essere costituito da un timbro, da un cartellino a stampa o essere una semplice dichiarazione manoscritta del proprietario dell’ opera. Nei libri si trova applicato sui fogli di guardia o sulla copertina.
 

F
 

FACSIMILE

Una riproduzione che ha come scopo principale la simulazione dell’ aspetto fisico della pubblicazione originale.

FAQ

(Frequently Asked Questions) risposte alle domande più frequenti che gli utenti rivolgono alla biblioteca.

FASCICOLO

Unità fisica nella quale viene pubblicato il periodico. Un periodico mensile avrà 12 fascicoli all'anno, uno quindicinale ne avrà 24 e così via. Per le richieste di articoli nel prestito interbibliotecario e per il reperimento all'interno di un'annata di una rivista è indispensabile conoscere il numero del fascicolo.

FLOPPY DISK

Disco flessibile di 3,5 pollici che viene utilizzato quale supporto per incamerare dati in formato digitale.

FOGLIO DI GUARDIA

In un libro a stampa il foglio bianco inserito tra la copertina e il frontespizio.

FONTE

Qualsiasi documento originale da cui sia ricavabile un'informazione.

FRBR

Acronimo di Functional Requirements for Bibliographic Records. Requisiti funzionali di una registrazione bibliografica individuati dallo studio di uno specifico gruppo di lavoro IFLA, nato nel 1990.

FRONT OFFICE

Processi di un’organizzazione con immediato riscontro all’ esterno o che sorgono e si sviluppano in conseguenza di un contatto diretto con l’ esterno. Per le organizzazioni che gestiscono informazione sono tipiche attività di front office : 1. relazioni con il pubblico, con compiti di prima accoglienza, di orientamento, di informazione, nei confronti dell’ utenza locale e remota. Interagisce con l’ utenza per quanto riguarda eventuali suggerimenti o segnalazioni di disservizio e fa da tramite tra l’ utenza stessa e le strutture di back office; 2. reference (consulenza informativa), con attività di ricerca, orientamento e consulenza agli utenti su quesiti informativi in cui si rendano necessari livelli di approfondimento e di specializzazione complessi; 3. prestito bibliotecario e interbibliotecario, tradizionale ed elettronico; 4. document delivery.

FRONTESPIZIO

Pagina, di norma all'inizio della pubblicazione, che dà le informazioni più complete relative alla pubblicazione stessa: in genere fornisce il titolo più completo, le indicazioni di responsabilità (autore, curatore...) e le informazioni relative alla pubblicazione (edizione, editore, anno di edizione).

FULL-TEXT

In riferimento a un database (o simile risorsa elettronica) che riporta l'intero testo dei documenti memorizzati.
 

G
 

GERENZA

Indicazione di titolo, proprietà, curatori di un giornale o di un periodico; sebbene la sua posizione sia variabile, nel caso dei giornali si trova generalmente sulle pagine redazionali o in testa alla prima pagina, nel caso dei periodici sulla pagina del sommario.

GIORNALE

Pubblicazione in serie che esce a scadenze stabilite e frequenti, di solito quotidianamente, settimanalmente o due volte alla settimana.

GLOSSARIO

Lista di termini caratteristici di una determinata disciplina. Ciascuno di tali termini viene accompagnato da una specifica declaratoria.
 

I
 

IEEE

Acronimo di Institute of Electrical and Electronics Engineers. È un’organizzazione americana senza scopo di lucro attiva in una pluralità di campi che comprendono l’ingegneria in generale le tecnologie dell’ informazione e della comunicazione, le tecnologie biomediche e molti altri.

IFLA

Acronimo di International Federation of Library Association and Institution. È la federazione internazionale delle associazioni professionali bibliotecarie. Fondata nel 1927 i suoi obiettivi sono : 1. promuovere, a livello internazionale, la cooperazione, il dibattito, la ricerca e lo sviluppo in tutti i campi dei servizi bibliotecari e informativi; 2. promuovere l’educazione continua del personale delle biblioteche; 3. mantenere l’organizzazione attraverso cui la biblioteconomia possa essere rappresentata nei contesti internazionali; 4. sviluppare, promuovere e aggiornare linee guida di vario tipo per le attività di biblioteca come la compilazione di statistiche, l’archiviazione e la trasmissione di dati bibliografici, la preservazione e la conservazione di materiale librario.

ILL

(Interlibrary Loan) sigla con la quale ci si riferisce al prestito interbibliotecario.

INDICE

Elenco ordinato delle parti di un documento.

INDICE ANALITICO

Elenco alfabetico dei nomi e degli argomenti contenuti in un documento con i richiami alle pagine in cui sono citati.

INDICIZZAZIONE

Attività di descrizione simbolica di un documento o di altro oggetto reale o virtuale, in forma di indici strutturati e coordinati, di tipo nominale, (riferiti alle persone connesse con il documento) o semantico ( riferiti ai contenuti del documento). Tali indici derivano dall’ analisi concettuale del documento e dall’enunciazione delle sue componenti significative. L’indicizzazione non è finalizzata alla creazione di un tassonomia della realtà, ma a consentire a un utente di trovare l’informazione relativa a un documento ospitato in un determinato archivio.

INFORMATION RETRIEVAL

Insieme delle operazioni che permettono il recupero di informazioni archiviate in formato elettronico.

INFORMAZIONE BIBLIOGRAFICA

Insieme dei dati relativi alle caratteristiche di una pubblicazione efficaci per la sua identificazione o per il suo ordinamento.

INSERTO

Pubblicazione in serie che esce inserita in un’altra pubblicazione in serie con periodicità regolare od occasionale.

INTESTAZIONE

Termine o gruppo di termini collocati nella parte iniziale di un record bibliografico o archivistico che potranno essere usati come punto di accesso per la ricerca di un documento.

ISBD

Acronimo di International Standard Bibliographic Description. Standard internazionale di descrizione bibliografica elaborato dall’IFLA. Apparso per la prima volta 1971, a oggi sono stati elaborati ISBD relativi a diverse forme di materiale librario documentario, tradizionale o meno. Gli ISBD indicano i requisiti della descrizione di ciascun tipo di materiale, assegnano un ordine agli elementi della descrizione stessa e individuano lo standard della punteggiatura. Gli ISBD pubblicati sono i seguenti:

ISBD (G)

ISBD (M)

ISBD (S)

ISBD (A)

ISBD (NBM)

ISBD (CM)

ISBD (PM)

ISBD (CF)

ISBD (ER)

ISBD (CR)

Generale

Monografie

Seriali

Libri antichi

Non-Book Materials

Materiale cartografico

Musica stampa

Computer files

Electronic resources

Continuing resources

 

ISBN

Acronimo di International Standard Book Number.  E’ formato da  dieci cifre arabe, separate in gruppi: il primo indica l’area geografica e linguistica di produzione del libro; il secondo indica l’editore, il titolo o l’edizione; l’ultimo serve da controllo.

L’ISBN identifica un’edizione di un’opera pubblicata da un particolare editore ed è unico per quell’edizione. Viene assegnato dal Centro Nazionale dell’ISBN e si basa sulla norma ISO 2108-1978.

ISDS

Rete internazionale di centri operativi corresponsabili della creazione e del mantenimento di banche dati elettroniche che garantisce un archivio delle pubblicazioni in serie di tutto il mondo. L’ISDS cura l’assegnazione dell’International Standard Serial Number.

ISO

Acronimo di International Organization for Standardization. È l’organizzazione internazionale, fondata nel 1947, che promuove la definizione e l’aggiornamento di standard tecnici per molteplici settori.

ISSN

Acronimo di International Standard Serial Number.  Codice numerico accettato universalmente che consente l’ identificazione univoca di un periodico. Un ISSN è formato da otto cifre arabe e può essere preceduto da una lettera che identifica il paese in cui è prodotta la pubblicazione periodica. L’ISO, International organization for standardization, committee 46 (ISO/TL46), è l’organizzazione responsabile dello sviluppo dell’ISSN. La norma di riferimento è la ISO 3297. A livello internazionale responsabile dell’amministrazione e dell’assegnazione dell’ISSN è l’IC, International center dell’International Serials data system (ISDS). In ogni paese opera comunque un centro che assegna gli ISSN.
 

J
 

JOURNAL

Periodico specializzato che ha autorevolezza e scientificità e presenta gli sviluppi più significativi negli studi di una specifica disciplina.

JUKEBOX

Dispositivo hardware in grado di gestire e rendere disponibili per l’accesso e la consultazione i CD-Rom.
 

K
 

KEYWORD

Parola assegnata da un indicizzatore che designa un concetto trattato in un documento. Parola presente nel titolo o in altra parte di un record bibliografico.
 

L
 

LEMMA

1. Titolo o sommario di un capitolo di un documento. 2. Ogni voce o locuzione cui sono dedicati i singoli articoli di una enciclopedia o le definizioni di un dizionario.

LETTERATURA GRIGIA

Pubblicazioni di carattere non convenzionale, non reperibili attraverso i consueti canali di distribuzione commerciale perchè destinate ad una circolazione ristretta. Fanno parte di questa categoria: le tesi di laurea, i rapporti interni ad un'azienda, i working papers, relazioni contenenti informazioni scientifiche, tecniche, economiche, sociali, relazioni presentate ai congressi e non pubblicate negli atti disponibili in commercio, norme e raccomandazioni di carattere tecnico.

LIBRERIA COMMISSIONARIA

Esercizio commerciale specializzato nel trattare l’acquisto di documenti e opere per conto di un cliente istituzionale, tipicamente una biblioteca o un servizio di informazione e documentazione.

LUOGO DI EDIZIONE

Località in cui è la sede organizzativa e amministrativa dell'editore.
 

M
 

MARC

Acronimo di Machine Readable Cataloguing. Standard internazionale di scambio, importazione ed esportazione di dati catalografici.

MARCHIO EDITORIALE

Contrassegno usato dagli editori contemporanei, collocato, di solito, sulla copertina o sul frontespizio dell’ opera.

METAOPAC

Motore di ricerca bibliografica che, sulla base di una sola interrogazione da parte dell’ utente, opera in più OPAC, comprime e ordina i risultati secondo le impostazioni dell’ utente.

MICROFICHE

Supporto simile alla diapositiva, sul quale vengono fotografate più pagine di un libro, una tesi di laurea o un periodico, e che permette di conservare un gran numero di informazioni in uno spazio molto ridotto. Per leggere le microfiches è necessario utilizzare un lettore appositamente ideato.

MICROFILM

Bobina di pellicola fotografica cui sono contenute immagini, in formato ridotto di dati e di documenti.

MICROFORMA

Documento fotografico, di solito film fotografico, che contiene microimmagini.

MISCELLANEA

Volume in cui vengono raccolti i contributi di più autori. Spesso la miscellanea viene offerta o dedicata alla memoria di un autore specifico.

MONOGRAFIA

Ogni pubblicazione non periodica concepita come trattazione sistematica di un singolo argomento.
 

N
 

NBM

Acronimo di Non-book Materials. Documenti non librari di carattere non seriale. Tra di essi possono annoverarsi microforme, filmati, registrazioni, audio e video, materiali multimediali.

NOTA

Riferimento di carattere bibliografico esplicativo o documentario. Viene collegato al testo con un numero progressivo e può essere collocato in corpo piccolo a piede pagina o al termine del documento o di sua parte.

NOTA BIBLIOGRAFICA

1. Riferimento a uno o a più documenti bibliografici citati come fonti; 2. rassegne di riferimenti bibliografici posti alla fine di un lavoro.

NOTE BIBLIOGRAFICHE

Note riguardanti la configurazione fisica di un libro: comprendono pagine, numero dei volumi e dei tomi, materiale illustrativo, formato, allegati.

NOTE TIPOGRAFICHE

Dati informativi riguardanti pubblicazione e stampa di un libro.

NOTIZIA BIBLIOGRAFICA

Nota riferita a un catalogo o a una bibliografia, contenente elementi informativi o descrittivi di una pubblicazione.

NUOVA EDIZIONE

Edizione che contiene sostanziali modifiche rispetto alla precedente.

NUOVE ACCESSIONI

L’ insieme dei documenti più recenti acquisiti da una biblioteca e segnalati in cataloghi o specifici documenti (oggi di solito disponibili come sezioni degli OPAC bibliotecari).
 

O
 

OCLC

Acronimo di Online Computer Library Center. Nato nel 1967 come consorzio di biblioteche accademiche dell’ Ohio (USA), OCLC è oggi la più grande rete di servizi bibliografici nel mondo. Tra tali servizi si possono citare, almeno, OPAC, catalogazione partecipata, condivisione di risorse informative periodiche periodiche e non, prestito interbibliotecario.

OPAC

(On-line Public Access Catalogue) è il catalogo di biblioteca in linea, che permette ricerche molto ampie attraverso un gran numero di accessi. Dall'avvento dell'informatizzazione delle biblioteche non  opera più la tradizionale distinzione fra i vari tipi di catalogo (per autori, per materie, classificato...) perché, con il catalogo in linea, è possibile accedere alle informazioni attraverso tutti i punti di accesso proposti dai cataloghi tradizionali (autore, titolo, soggetto, classificazione Dewey, ecc.). In più l'Opac permette di combinare più ricerche, di operare troncamenti, di restringere e raffinare la ricerca attraverso l'utilizzo degli operatori booleani.

OPERA ANONIMA

Quella in cui non figura nessun autore o responsabile.

OPERATORI BOOLEANI

Sono gli operatori logici AND, OR e NOT. Prendono nome dal matematico inglese George Boole e permettono di combinare tra loro i termini nella ricerca bibliografica. Es.: "matematica" AND "finanziaria" mi darà come risultato tutti i documenti che contengono nel titolo entrambe le parole. "Matematica" NOT "finanziaria" mi permette di recuperare tutti i libri di matematica, ma non finanziaria. "Compera" OR "acquisto" mi darà come risultato i documenti che hanno nel titolo l'uno o l'altro termine.

OPERE DI CONSULTAZIONE

Insieme delle fonti che forniscono un'informazione di carattere generale e sono di supporto all'approfondimento della ricerca. Con questa locuzione ci si riferisce a bibliografie, dizionari, enciclopedie, annuari, ecc.

OPUSCOLO

Pubblicazione di ridotte dimensioni orientata a fornire una sintesi di un determinato argomento e/o indicazioni pratiche sullo stesso.

ORIENTAMENTO

Attività tipica dell’ HELP-DESK e dei servizi di referernce, rivolta a utenti inesperti o che hanno comunque bisogno di supporto nell’ uso degli strumenti informativi messi a disposizione da una biblioteca o da un servizio di informazione.
 

P
 

PAGINE PRELIMINARI

I frontespizi (o i loro sostituti) insieme con il loro verso e ogni pagina che precede i frontespizi (o i loro sostituti) e il dorso.

PAROLE CHIAVE

Parola singnificativa di un testo o di un titolo che è usata come accesso all'informazione bibliografica.

PERIODICO

Pubblicazione in serie edita ad intervalli regolari con frequenza superiore  a quella bisettimanale ed inferiore a quella annuale nella quale i fascicoli sono generalmente caratterizzati da una varietà di contenuti e di collaboratori tanto all’interno di un singolo fascicolo quanto da un fascicolo ad un altro.

PERIODICO ELETTRONICO

Versione elettronica di periodico cartaceo disponibile in formato digitale, a un indirizzo internet o su supporto ottico. Il server su cui è ospitato, o anche il programma di accesso al supporto su cui è memorizzato, può richiedere username e password per l’accesso accordato a chi sottoscrive uno specifico abbonamento.

PERTINENZA

Misura dell’adeguatezza nell’informazione o di un documento reperito in una ricerca di informazione in relazione ai bisogni dell’ utente.

POSSEDUTO

Il complesso dei documenti di una biblioteca.

PREFAZIONE

Test introduttivo di un documento in cui vengono esposte origini, caratteristiche e finalità del lavoro.

PREMESSA

Testo introduttivo di un documento, redatto dall’ autore o da altro soggetto, in cui si dà notizia di particolari aspetti del documento stesso.

PRENOTAZIONE

Richiesta da parte di un utente di tenere a sua disposizione, per un tempo definito, un libro momentaneamente in prestito.

PREPRINT

Opera di letteratura grigia che mette in circolazione un documento prima della sua pubblicazione editoriale.

PRESTITO

Operazione attraverso la quale l'utente può utilizzare i libri della biblioteca al di fuori delle sale di lettura.

PRESTITO BIBLIOTECARIO

Servizio di biblioteca che permette all’ utente registrato presso una biblioteca o un sistema di biblioteche, la consegna di uno o più documenti per un determinato periodo di tempo.

PRESTITO INTERBIBLIOTECARIO

Consiste nello scambio di documenti bibliografici tra biblioteche.

PUBBLICAZIONE IN SERIE

Pubblicazione a stampa, o in altra forma, che esce in parti successive aventi, di solito, una designazione numerica o cronologica e che si intende continuare all’infinito. Le pubblicazioni in serie comprendono periodici, giornali, pubblicazioni annuali (rapporti, annuari, guide etc.), riviste, memorie, atti, rendiconti, etc. di società e le collezioni monografiche. Questa definizione esclude le opere prodotte in parti successive per un periodo stabilito.

PUBBLICAZIONE MONOGRAFICA

Pubblicazione completa in una sola parte oppure completa (o destinata ad essere completata) in un numero determinato di parti.
 

Q
 

QUERY

Insieme di istruzioni compilate da un utente per estrarre dati da un database.

QUOTIDIANO

Periodico a cadenza quotidiana.

R
 

RACCOLTA

L’insieme dei documenti posseduti da una biblioteca.

RECENSIONE

Resoconto informativo e critico di un'opera.

RECORD BIBLIOGRAFICO

Rappresentazione di un'unità bibliografica che contiene i dati relativi ad un documento, strutturati secondo le norme di descrizione bibliografica.

RECORD D’ AUTORITA’

Un’intestazione d’autorità associata ad altri elementi informativi che descrivono entità identificata nell’ intestazione e che può rinviare ad altre intestazioni d’ autorità.

RECUPERO DELL’ INFORMAZIONE

Ricerca, individuazione e recupero dell’informazione (dati, documenti) attraverso una ricerca in banca dati.

REFERENCE

Insieme delle fonti e delle opere di consultazione impiegate per svolgere il servizio omonimo.

REFERENCE BOOK

Repertorio specializzato nelle opere di reference.

REFERENCE SERVICE

Servizio di front office che in una biblioteca o in altra organizzazione di gestione dell’informazione opera per fornire risposte ai quesiti posti dagli utenti. Sono caratteristiche del servizio : 1. conoscere in maniera approfondita l’offerta di informazione nei settori di competenza, sia in termine di metodologie di ricerca che di recupero documenti; 2. rispondere a quesiti informativi complessi coniugando l’ uso di diverse fonti quali OPAC, METAOPAC e VRD; 3. effettuare ricerca e downloading di risorse elettroniche su richiesta dell’ utente; 4. preparare dossier informativi, una tantum o con cadenza periodica, per utenti istituzionali (gruppi di ricerche, dipartimenti universitari, etc.); 5. mantenere rapporti costanti e istituzionali con strutture analoghe operanti in Italia e all’ estero per garantire la maggiore efficacia del servizio; svolgere, presso l’utenza reale e potenziale, azioni mirate di comunicazione e di promozione delle proprie attività.

REPERTORIO

Raccoglie nomi, dati e indirizzi relativi a enti, società, organizzazioni, con possibilità di ricerca attraverso indici in ordine alfabetico o classificati in base ad un criterio (ad es. per settore di attività).

REPERTORIO BIBLIOGRAFICO

E’ la bibliografia propriamente detta: ovvero un elenco ragionato di libri e documenti relativi ad un determinato ambito disciplinare.

REPRINT

1. Copia di libro identica all’edizione originale in tutti i particolari. Può, in qualche occasione essere accompagnata da una nota che specifica la sua natura particolare e diversa rispetto all’ originale; 2. contributo a un periodico pubblicato separatamente, in qualche caso diverso nei contenuti dall’ originale.

REPROGRAFIA

Qualsiasi forma di riproduzione meccanica o automatica di un esemplare, come la fotocopiatura o la micrografia.

RICA

Acronimo di Regole Italiane di Catalogazione per Autori. Norme di catalogazione per autore di area italiana. Sono state pubblicate nel 1968 ed hanno sostituito un precedente standard del 1956.

RICERCA
BIBLIOGRAFICA

Ricerca che impiega strumenti e fonti bibliografiche (cataloghi, bibliografie, banche dati...) per fornire informazioni su opere e documenti che soddisfino una determinata esigenza.

RIFERIMENTO BIBLIOGRAFICO

Insieme di elementi che identificano un documento di carattere bibliografico (libro, periodico, etc.) .

RISTAMPA

Nuova tiratura di una stessa edizione di un testo. Non c'è dunque nessuna variazione tra una tiratura e l'altra.

RISTAMPA ANASTATICA

Edizione di un testo antico o un'opera fuori commercio ottenuta attraverso la riproduzione fotolitografica dello stampato originale.

RIVISTA

Termine frequentemente usato per periodico, più particolarmente per periodici di cultura.
 

S
 

SALA DI CONSULTAZIONE

Sezione di una biblioteca, solitamente dotata di opere repertoriali per il reference e che, ordinariamente, non vengono date in prestito.

SBN

Acronimo di Servizio Bibliotecario Nazionale è la rete delle biblioteche italiane promossa dal Ministero per i beni e le attività culturali con la cooperazione delle regioni e dell’università.

SCAFFALE APERTO

Sistema di collocazione del materiale librario che permette all'utente di accedere direttamente agli scaffali dove sono collocati i libri, senza l'intermediazione del personale della biblioteca.

SCAMBIO

Invio gratuito e reciproco di materiale librario tra due biblioteche o sistemi di biblioteche.

SCARTO

Operazione di eliminazione di documenti obsoleti o non più utilizzabili.

SCHEDA APERTA

Scheda relativa a un documento bibliografico del quale la biblioteca non possiede ancora la serie completa (tipicamente la scheda di un’opera in continuazione).

SCHEDA AUTORE

Scheda di catalogo in cui il punto d’accesso è rappresentato dall’autore.

SCHEDA CATALOGRAFICA

Nel catalogo cartaceo è il supporto fisico che contiene la descrizione di un record bibliografico.

SCHEDA CHIUSA

Scheda contenente tutte le informazioni bibliografiche riguardanti un’ opera in più parti o in più volumi.

SCHEDA DI PRESTITO

Scheda in cui vengono inseriti elementi relativi all’ opera data in prestito, il riferimento del titolare del prestito, la data di consegna e il termine entro il quel il documento va restituito.

SCHEDA DI RICHIAMO

Scheda in cui un’intestazione di soggetto è collegata a una o più intestazioni subordinate.

SCHEDA DI RINVIO

Scheda in cui da un’intestazione non adottata si fa riferimento all’ intestazione prescelta.

SCHEDA DI SPOGLIO

Scheda rappresentativa di una parte di un documento per cui è stata realizzata una descrizione bibliografica completa. Descrive, ad esempio, i singoli contributi, che compongono un fascicolo di periodico.

SCHEDA PRINCIPALE

Il principale punto di accesso di una catalogo di una biblioteca in cui un documento bibliografico può essere identificato e citato nella sua forma più completa.

SCHEDA SECONDARIA

Punto di accesso alternativo a un documento già descritto in una scheda principale.

SCHEDA SOGGETTO

Scheda di catalogo a soggetti in cui il punto d’accesso a un documento è costituito da un’intestazione soggetto.

SCHEDA TITOLO

Scheda di catalogo in cui il punto d’accesso a un documento è costituito da un titolo o da una sua parte.

SEGNATURA DI COLLOCAZIONE

E’ la stringa composta da numeri e lettere che indica la collocazione materiale del libro all'interno della biblioteca ed è riportata sull'etichetta applicata alla costola del libro stesso.

SERIALE

Pubblicazione periodica o comunque articolata in volumi spesso numerati con cadenza di pubblicazione più o meno stabile, come periodici, tradizionali ed elettronici, quotidiani, collane editoriali, atti di convegni, etc.

S.L.

Abbreviazione della locuzione latina sine loco (senza luogo) che in catalogazione viene impiegata quando nel libro non compare il luogo di pubblicazione.

S.N.

Abbreviazione della locuzione latina sine nomine (senza nome) utilizzata nella catalogazione quando nel libro non compare il nome dell'editore.

SOGGETTARIO

Elenco  alfabetico dei termini e dei relativi richiami e rinvii, giudicati concettualmente e linguisticamente più idonei a esprimere il contenuto di un documento e pertanto utilizzati o proposti come intestazioni o standard di soggetto, in un ambito generale o specifico.

SOGGETTAZIONE

È l’ attribuzione di un’intestazione di soggetto come risultato del processo di analisi concettuale e di indicizzazione di un documento bibliografico.

SOGGETTO

Corrisponde all'argomento trattato nel documento.

SOLLECITO

Nel caso in cui ci sia ritardo nella riconsegna dei libri presi in prestito la biblioteca invia una lettera di sollecito per esortare l'utente alla restituzione dei volumi.

SOVRACCOPERTA

Foglio che ricopre la copertina di un libro a scopo protettivo o di richiamo.

SPOGLIO

Descrizione bibliografica dei singoli articoli contenuti in un periodico. Essper, ad esempio, è un catalogo di spoglio che raccoglie le informazioni sui singoli articoli di tot periodici e permette dunque di fare ricerca sul contenuto degli articoli attraverso il filtro delle parole chiave.

STANDARD BIBLIOGRAFICO

Le regole definite e continuamente aggiornate dagli organismi internazionali specifici e utilizzate per uniformare i dati bibliografici nelle varie fasi del trattamento dell’ informazione.

SUPPLEMENTO

Pubblicazione che esce di solito separatamente e che integra la pubblicazione principale per aggiornarla o comunque continuarla o che contiene aspetti particolari non compresi in quelle. Il supplemento può avere o non un titolo dipendente dal titolo della pubblicazione principale.
 

T
 

TAVOLA

Illustrazione all'interno di un libro non inclusa nella numerazione progressiva delle pagine.

TAVOLE

Nella Classificazione Decimale Dewey  sequenza di numeri che costituisce la notazione delle dieci classi principali e delle loro suddivisioni.

TESI DI LAUREA

Ricerca originale condotta dallo studente giunto al termine del suo percorso di studi sotto la guida di un docente, che dà luogo ad un elaborato da discutere di fronte alla commissione di laurea.

THESAURUS

Vocabolario di un linguaggio di indicizzazione controllato e strutturato. I termini in esso presenti, che vengono definiti descrittori, sono tra di essi collegati sulla base di tre tipologie di relazioni : semantiche, di equivalenza, gerarchiche. Il thesaurus è dunque uno strumento di indicizzazione che usa linguaggi che prescindono dal documento analizzato e che tiene conto di schemi scientifici già esistenti.

TITOLO

Nome distintivo di un libro o periodico, costituito dal termine o insieme di termini che compaiono sul frontespizio e che identificano il documento.

TITOLO ALTERNATIVO

La seconda delle due parti di un titolo proprio unita alla prima comunemente dalla lettera o oppure dal suo equivalente in altre lingue.

TITOLO CORRENTE

Titolo di una pubblicazione o di parte di essa posta in testa ad ogni pagina in forma abbreviata.

TITOLO PARALLELO

Titolo proprio di un documento, o di una parte di esso, formulato in altra lingua o alfabeto diverso.

TITOLO UNIFORME

Titolo specifico, adottato sul piano catalografico, per un’opera apparsa con titoli diversi.

TOC

Abbreviazione di table of contents, equivalente al sommario di una pubblicazione in cui sono elencati i contributi e le pagine corrispondenti.
 

U
 

UNIMARC

Acronimo di Universal Machine- Readable Cataloguing. È il progetto di standardizzazione del formato di comunicazione MARC pubblicato, con il sostegno dell’ IFLA. Standard universale per la lettura da parte di un elaboratore di descrizioni di documenti.

URL

Sigla corrispondente a uniform resource locator, ovvero l'indirizzo univoco che identifica una risorsa disponibile in Internet.

UTENTE

Colui che frequenta la biblioteca e usufruisce dei suoi servizi.
 

V
 

VOLUME

Un'entità a stampa fisicamente unitaria.

VRD

Acronimo di Virtual Reference Desk. Servizio di reference virtuale interattivo.
 

W
 

WHO'S WHO

Repertori biografici in cui si danno le informazioni relative alla vita e all'attività di personaggi famosi viventi.

WORKING PAPER

Pubblicazione che fa parte della categoria della letteratura grigia e che è molto diffusa in ambito accademico. Si tratta di un fascicolo in genere di un numero di pagine piuttosto ridotto in cui si dà conto di teorie e studi molto recenti. Di difficile reperibilità attraverso i comuni canali commerciali il paper nasce per una circolazione interna alla comunità scientifica.

WORLD WIDE WEB

La parte di Internet che contiene testi, immagini, video e suoni consultabile attraverso l'uso di un browser come Internet Explorer o Netscape Navigator.
 

Z
 

Z39.50

Protocollo di comunicazione che consente ad applicazioni client di interrogare database bibliografici residenti su server remoti. Standard di riferimento sono la norma ISO 23950 e, per gli Stati Uniti, la norma ANSI/ISO Z39.50.

 

torna indietro