Facoltà di Ingegneria dell'Università degli Studi di Palermo

Corso di Studio in Ingegneria ELETTRONICA

e-mail: ccleln@unipa.it - fax: (+39) 091 488452

presso il DEIM (locali ex DIEET) - Viale delle Scienze, edificio 9 - 90128 Palermo

Coordinatore dei Corsi di Laurea e responsabile del portale: prof. Claudio Calì

Il ruolo dell'Ingegnere Elettronico

L’Elettronica si presenta oggi al grande pubblico con due facce: una è scintillante, popolare, ricca di promesse. Gli anglosassoni la chiamano Consumer Electronics, (Elettronica di consumo): noi potremmo definirla l’Elettronica delle vetrine.

L’altra è un po’ stregonesca. E’ l’Elettronica dei laboratori, somiglianti a degli ospedali e quindi risulta vagamente inquietante.

Per l’Ingegnere (o aspirante tale), l’Elettronica proviene invece da due culture scientifiche che con le “facce” ora accennate hanno poco in comune: L’Elettrotecnica (soprattutto come Teoria dei Circuiti elettrici) e la Fisica dei materiali.

Infatti, l’Elettronica studia, progetta e realizza apparati per la elaborazione e trasmissione dell’informazione che consistono in circuiti comprendenti dispositivi elettronici, ossia manufatti (oggi di dimensioni ridottissime), costituiti da materiali naturali trasformati con l’applicazione di tecnologie chimiche e metallurgiche molto complesse.

Il richiamo alle due culture scientifiche indica subito due direzioni principali di attività dell’Ingegnere elettronico.

La prima si occupa soprattutto dello studio e della progettazione di prodotti (spesso sbrigativamente chiamati “pacchetti”) destinati a soddisfare le esigenze poste dagli interlocutori, che appartengono principalmente ai settori delle Telecomunicazioni , dell’Informatica e dei Controlli Automatici.

La seconda affronta i problemi tecnologici connessi con la realizzazione dei pacchetti medesimi e confina quindi con la Fisica dello Stato solido e con l’Ingegneria dei Materiali.

Entrambe le attività si sviluppano fianco a fianco, stimolandosi a vicenda, e non si limitano a rispondere alle domande degli interlocutori, ma contribuiscono a qualificarle attraverso un incessante processo di innovazione.

Tenendo conto che la società moderna è ormai universalmente conosciuta come società dell’informazione, ne segue che l’Ingegneria Elettronica svolge un insostituibile ruolo sociale, paragonabile a quello del sistema nervoso centrale nel corpo umano.

Gli Ingegneri elettronici si formano con questa consapevolezza, che da un lato li rende certi di trovare il loro posto nel mondo della scienza e della tecnica e dall’altro promuove in loro la responsabilità di farsi carico della costante ricerca di una migliore qualità del lavoro e della vita.

 

Si ringrazia il Prof. Ing. Bruno Di Maio, ordinario di Elettronica in quiescenza, per il contributo dato alla stesura di questa pagina.